Chiesa del Carmine

Restaurato il dipinto seicentesco della Chiesa del Carmine che raffigura la trasverberazione di Santa Teresa d’Avila.

La tela rinata sarà presentata al pubblico mercoledì 20 aprile alle 18 alla presenza dell’Arcivescovo Benotto.

I lavori sono stati finanziati dai tre club Rotary cittadini: Rotary Club Pisa, Rotary Club Pisa Galilei ed Rotary Club Pisa Pacinotti (nella foto di sommario un particolare, sotto la foto completa)

La tela è stata dipinta dal senese Crescenzio Gambarelli nel 1622 e costituisce al momento l’estrema opera nota dell’artista, che la realizzò nell’anno in cui la religiosa castigliana venne proclamata santa e testimonia la precocità del culto di Santa Teresa a Pisa, nonché una delle prime testimonianze di una iconografia che conoscerà nel corso del Seicento numerosi esempi.

Posta a decorare l’altare a sinistra della controfacciata è provvista di una ampia incorniciatura lignea impreziosita da sedici piccoli dipinti

Il restauro – Il dipinto era rovinato e in precario stato di conservazione a causa dello sporco che ne ricopriva la superficie e anche di un precedente restauro.

Nel 1870 infatti, durante alcuni lavori interni alla chiesa, una scala cadde squarciando la tela.

Il recupero che ne seguì permise di riparare il danno ma alterò la pellicola pittorica. Adesso con questo nuovo restauro il dipinto è tornato a nuova vita