come capire se si ha la talassofobia

Come capire se hai la talassofobia?

Se si soffre di questa fobia la paura si manifesta inizialmente con vertigini e sensazione di nausea e mal di testa.
Inoltre è possibile riscontrare anche tachicardia e pallore qualora si entri in contatto con le alghe.

Cosa significa talassofobia?

Questa fobia riguarda il mare, ovvero la persona che ne soffre ha paura specialmente di entrare in acqua, mentre in spiaggia ha meno difficoltà a rimanere.
A questa fobia viene associata la Batofobia, ovvero la paura a immergersi in acqua e la Nictofobia, ovvero la fobia di immergersi in acqua e di notte o in luoghi completamente bui.

Come capire se si è Talassofobici?

Qualora si abbia paura di entrare in mare o semplicemente di guardare il fondale, allora con molta probabilità si è talassofobici.

Come eliminare la talassofobia?

Generalmente vengono prescritti dei farmaci ma questi, se non assunti, permettono alla fobia di emergere nuovamente.
Il trattamento ideale è quello con lo psicoterapeuta, che permette di capire quali siano i motivi per cui si teme il mare e come combattere tale fobia grazie a un percorso adeguatamente strutturato.

Che fobia e la talassofobia?

La paura di entrare in acqua e nuotare nel mare aperto: generalmente questa paura irrazionale viene associata alla presenza delle creature marine presenti nel fondale e all’ignoto, visto che non si riesce a guardare il fondale marino.

A cosa è dovuta la talassofobia?

Spesso questo problema è da ricercare in un trauma avvenuto in mare: per esempio aver rischiato di annegare oppure essere stati punti da una medusa o altre creature marine possono far nascere questa paura.

Quali sono le paure più diffuse?

Sono tre le paure maggiormente diffuse, ovvero quella delle grandi altezze, quella dei serpenti e quella che consiste nel parlare di fronte a un ampio pubblico.
In questo caso si parla anche di potenziale paralisi del volto della persona che soffre di questa fobia.

Perché si ha paura delle persone?

Questo timore è dovuto dalle esperienze traumatiche che spesso accadono quando si è bambini oppure anche in età adulta, a patto che in questo caso il trauma sia notevole.
Inoltre anche l’educazione ricevuta potrebbe avere un impatto importante che permette lo sviluppo di tale fobia.

Come si chiama la fobia di non vedere il fondo del mare?

Anche in questo caso è possibile ricondurre tale fobia alla talassofobia, ovvero la paura dell’oceano e del mare.
Questa fobia impedisce quindi di guardare cosa si nasconde nel fondale marino, in quanto è l’ignoto e la non conoscenza a spaventare una persona.

Come superare la paura dell’acqua?

Una delle soluzioni ideali per superare questa fobia consiste nel frequentare un corso di nuoto in piscina con l’istruttore.
Grazie a questo professionista, che ha anche il compito di offrire supporto e consigli vari, la paura dell’acqua, del mare e di nuotare verranno lentamente sconfitte.

Come si chiama la paura dell’acqua alta?

Generalmente questa fobia rientra nell’idrofobia, anche se spesso questo termine viene utilizzato solo ed esclusivamente per indicare il terrore relativo all’acqua bassa.
La paura di annegare genera questo tipo di fobia.