Ultimo aggiornamento: 17-08-2017 - 18:12
Venerdì 18 Agosto 2017

Bene l'etichetta made in Italy per latte e derivati

20/04/2017

Stop all’inganno del falso Made in Italy per il latte, formaggi, mozzarelle, yogurt ed altri derivati. Buone notizie per quasi 45mila famiglie della Provincia di Pisa che potranno finalmente conoscere l’origine del latte a lunga conservazione contenuta nelle confezioni ma anche per gli altri derivati utilizzati come “ingrediente”. L’etichetta dovrà infatti indicare il paese di origine - Italia o in paesi Ue - lo stesso dovrà essere indicato per la trasformazione ed il condizionamento. L’entrata in vigore dell’etichetta a partire da mercoledì 19 aprile (tutti dovranno adeguarsi entro 180 giorni) è una risposta soprattutto per le aziende di allevamento in forte crisi che pagano la concorrenza sleale di latte, cagliate e derivati dall’estero e un ribasso costante del prezzo del latte pagato alla stalla.

«Con tre cartoni di latte a lunga conservazione su quattro venduti in Italia che sono stranieri, cosi come la metà delle mozzarelle sono fatte con latte o addirittura cagliate provenienti dall'estero, senza che questo sia stato fino ad ora riportato in etichetta – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa – l’indicazione di origine anche per il latte, dopo la carne di pollo e derivati, carne bovina, miele, passata di pomodoro, pesce, olio extravergine, pasta e riso rappresenta un ulteriore strumento di difesa per il consumatore e per il comparto della zootecnia che potranno avere il giusto riconoscimento e la certezza di un giusto prezzo».

In dieci anni gli allevamenti bovini specializzati nella produzione di latte sono dimezzati. Quelli sopravvissuti resistono grazie alla produzione propria di formaggi di altissima qualità, legati ai territori, che raggiungono il consumatore attraverso la vendita diretta ed i mercati di Campagna Amica. «E’ un risultato che arriva a seguito delle numerose battaglie portate avanti da Coldiretti – spiega Aniello Ascolese, Direttore Coldiretti Pisa - che da tempo denuncia una crisi senza precedenti che ha provocando la strage delle nostre stalle ma anche la concorrenza sleale ed i danni all’immagine dei formaggi tipicamente toscani. Quando una stalla chiude si perde un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di formaggi tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere lo spopolamento e il degrado spesso da intere generazioni – conclude Fantini - in pericolo c’è un patrimonio culturale, ambientale ed economico del Paese che con questo provvedimento vorremmo tutelare nell'interesse dell'intera società».

Accade in città

Marenia Non solo mare

dal 17/06/2017 al 03/09/2017
Tutti gli appuntamenti sul litorale per l'estate 2017

Marina Slow 2017

dal 21/08/2017 al 27/08/2017
Dialoghi nel mediterraneo

Il cinema all'aperto allo Scotto

dal 01/08/2017 al 31/08/2017
Un mese di proiezioni sotto le stelle. Il programma

Musica all'alba e concerti in spiaggia

dal 13/08/2017 al 19/08/2017
La settimana di Ferragosto al Bagno degli Americani

Ultime notizie da...